Hotel Messico - Gianni Solla
 

                           

[ A questo punto ci sono un paio di cose che dovete sapere. La prima è che siete tutti in pericolo. L'altra è chi sono io. In ogni caso, stiamo parlando della stessa cosa.]

 

Protocollo 889

Mi è arrivata una lettera da Equitalia:
gentile contribuente,
per non avere rispettato impegni sentimentali contratti dall'anno 1989 in poi,
dovrà pagare settemila euro,
per avere dichiarato finto fallimento sentimentale per quattro volte,
dovrà pagarne altri settemila,
e per avere abusato delle parole: "aspetta, ti faccio sapere, ti chiamo dopo, non ho campo",
ne saranno altri settemila.
Noi la dichiariamo in liquidazione,
nostri incaricati verranno a requisirla,
sarà tenuto nei nostri magazzini e venduto all'asta.


[link a contenuto]
 

Protocollo 888

Compra una stampante 3D e stampati un cuore,
installalo nel petto,
accertati che funzioni e chiedimi di uscire.


[link a contenuto]
 

Protocollo 887

Ho chiuso la bancarella delle poesie,
adesso vendo uno spazzolino ammaestrato per denti avvelenati (articolo per signore),
un letto-macchina della verità (fortunatamente non funzionante),
un sismografo per il cuore,
minuti di sincerità a tariffa molto conveniente (trattasi di una scheda piena mai usata),
due uscite di emergenza gonfiabili,
e un manuale per uxoricidi (con appunti e sottolineature del sottoscritto).
Tutti pezzi unici presi dal mio salotto,
usatissimi e funzionanti.


[link a contenuto]
 

Lo scorso inverno ho partecipato a un progetto di scrittura che coinvolgeva i ragazzi del carcere minorile di Nisida. Da quegli incontri ne è venuta fuori un’antologia edita da Caracò editore: “Parole come pane. La sintassi di Nisida”, che si classifica al secondo posto del premio Siani. Ne sono orgoglioso. Tutto il progetto è stato reso possibile dal lavoro di Maria Franco.


[link a contenuto]
 

Su Slow words c’è una mia intervista, in inglese e in italiano. Diana Marrone e Paolo Graziano hanno tradotto due poesie che metto qui sotto.

I have two hearts

I have two hearts,
one gets sick, the other recovers,
one sleeps, the other wakes him up,
one smokes, the other coughs,
one asks for discounts, the other pays double,
one goes to hospitals for care, the other is hospitalized by bars
one likes one girl, the other likes the other one,
one says he is to blame, the other says he doesn’t know,
one is says he has enough, the other has never enough,
one is silent, the other speaks always,
one is shy, the other is proud (of it),
one is exhausted, the other has not started yet,
one ask permissions, the other enters and that’s it,
one is always right, and the other too.



Note with protocol 868

While in the previous house, I was packing boxes for a month,
on each of them I wrote the content,
then the house movers arrived,
they’ve asked me, have we to remove this box with the label “Love failures between 1984 and 1999”?
and this one “Notes for novels’ characters”?
and this “Untold to my mum”,
there is not enough space, I told then,
give them to the church,
but at the end they moved all of them.
Now I live in a modern building,
I do not speak to any one,
I do my grocery in a deco* full of poor,
during night time I hear the alarms of the cars,
I open boxes,
I touch what is inside.


[link a contenuto]
 

Protocollo 882

Ho mandato il mio curriculum al tuo cuore,
mi ha detto: si metta in fila,
mi ha detto: molti hanno lasciato questo lavoro,
mi ha detto: non abbiamo l'assicurazione per i danni,
mi ha detto: il contratto verrà rinnovato ogni mattina.


[link a contenuto]
 

Protocollo 881

I letti sono piante carnivore,
le lenzuola ambra,
noi gli insetti intrappolati.


[link a contenuto]
 

Protocollo 880

L’uomo con gli insetti nel cuore,
da solo, legge il giornale al tavolino del bar,
un giorno trova alla pagina degli annunci:
A.A.A. donna con insetticida nel cuore offresi, prezzi modici.
L’uomo le telefona:
ho bisogno che qualcuno mi disinfesti il cuore,
sono passati dieci anni dall'ultima volta,
lei oggi alle quattro è libera?


[link a contenuto]
 

Una generazione di trentacinquenni che vive a casa dei genitori, nella stanzetta che aveva a tredici anni. Si passerà dall’adolescenza alla vecchiaia. Si nutriranno desideri da giovani ma si avranno corpi vecchi.


[link a contenuto]
 

Protocollo 878

Hai un magazzino intero di silenzi da smistare,
con i pacchi sempre a portata di mano,
mai quanto i Vaffanculo,
che stai piena fino al duemilacento,
e che mi consegni freschi ogni giorno,
per non parlare dei Lasciami stare,
e dei Ma siamo sicuri?
Senti, ma nel tuo catalogo
, a quanto me lo metti un bacio?


[link a contenuto]
 

Protocollo 877 del poeta condominiale

Scrivo le poesie e le abbandono nell’ascensore,
incastro i foglietti tra i tasti della pulsantiera.
Sono destinate a quelli che vanno dal ragioniere al sesto piano o dal dentista al terzo.
Quando vengono a misurare l’acqua,
e le signore lasciano il biglietto attaccato alla porta con scritto il numero del contatore,
io intervengo,
e se c’è scritto 2000,
io lo modifico in: signora fammi dare 2000 baci da tua figlia.
Nessuno sa chi sono,
però quando esco dal portone la gente ride,
e all’assemblea di condominio mi chiedono:
ma quella testa di cazzo di maniaco non scrive più niente?


[link a contenuto]
 

Protocollo 876

Volevo fare lo scrittore maledetto e vivere in alberghi pieni di femmine, invece passo la scopa elettrica e tolgo i panni dal balcone. Oggi ho anche fatto cadere una molletta nel balcone di quello di sotto.


[link a contenuto]
 

Protocollo 875

Ho investito il tuo nuovo fidanzato,
ma non l’ho fatto apposta,
passavo dalle parti del vostro condominio,
signorile, termoautonomo, doppio box, pieno centro,
e ho visto il ragazzo che mi ha sostituito nel tuo appartamento,
[nel tuo letto]
il nuovo me,
il modello più alto,
più ragionevole,
che ti dà più sicurezze,
che mantiene le promesse,
che si veste come un adulto,
e che naso! Che zigomi! Che spalle!
Si vede che ha fatto nuoto,
ho la lamiera tutta ammaccata,
quanto mi costerà ripararla?
Quando l’hanno messo sulla barella,
aveva un portamento signorile,
gli infermieri ne erano molto impressionati,
devi essere fiera di lui.
Ora vorrai scusarmi se non vengo a trovarvi in ospedale,
cosa direbbero le malelingue se mi vedessero al capezzale,
[anche intubato è proprio un bel ragazzo],
mentre aspetto un’ultima parola tua,
e un ultimo respiro suo?


[link a contenuto]
 

Protocollo 874

Sono un calciatore, mi fanno entrare nel secondo tempo,
c’è uno nel mio ruolo più bravo,
e bisogna aspettare che si faccia male,
o che la partita prenda una brutta piega.
Noi panchinari ci alleniamo all'odio,
e all’umiliazione della riserva,
il calcio non ci interessa,
lo facciamo perché sappiamo correre sulle fasce,
e abbiamo un cuore adatto agli sforzi,
ma non alla vergogna.


[link a contenuto]
 

Poesie d'amore per zombie

Gentile pubblico affamato,
sono le vostre mani tese verso di me per un autografo?,
grazie per essere qui alla presentazione del mio libro di ricette,
che cosa intendete quando dite che ho un bel cervello?,
solo una cosa vi dico: datemi i soldi,
mio caro pubblico di zombie, prendi il bancomat!,
ho il POS sul banchetto dove firmo i libri,
statemi a sentire,
smettetela di masticare il mio editore per un attimo,
ad avercene uno,
scriverò per la donna che avete amato,
la poesia d'amore che non avete scritto,
eravate uomini ma dentro già batteva un cuore di zombie,
in verità vi dico:
se non sai scrivere una poesia d'amore allora sei uno zombie,
avete solo cambiato dieta,
mangiate più proteine,
e adesso fate silenzio,
e ricordatevi di quando l'avete vista per la prima volta,
[ma non volevate ancora mangiarla].


[link a contenuto]
 
   

 

 

 

Il fiuto dello Squalo

Marsilio Editore

Pg 300

In tutte le librerie oppure su:

amazon

ibs

la feltrinelli

bol

 

 

 

Chi sono e certe che cose che ho pubblicato.

[ mail:   hotelmessico@gmail.com ]

tumblr - twitter

 

 

 

gianni.solla@gmail.com

 

Mediazione civile